Pensieri intorno al ‘progresso’

Cos’è il progresso? Davvero è solo avere cose in più o soddisfare bisogni spesso appositamente creati per “vendere”, più o meno letteralmente, quelle stesse determinate cose? Il progresso, se giustamente inteso, dovrebbe portarci ad un miglioramento delle condizioni e della qualità della vita. Ma anche qui: della vita di chi? Di tutti o solo diContinua a leggere “Pensieri intorno al ‘progresso’”

Al mercato

Bancarelle, utili approdi alla ricerca dell’ombra e di un riparo dal sole e dall’afa. Pezzi di carne in vendita. Una bancarella ordinata di detersivi. Bigiotteria. Il sole e l’ombra. Pozzanghere. Manghi disposti a piramide, con i loro colori vivaci: dal giallo al verde, al viola. Sguardi addosso: curiosi, sorridenti, talvolta afosi, mai astiosi. Delle donne:Continua a leggere “Al mercato”

Accolti in un angolo del mondo

Cacuaco è una piccola città dell’Angola, situata molto vicino alla capitale Luanda, sulle rive dell’oceano Atlantico. Ho vissuto un mese in quella piccola municipalità nell’estate del 2002. In quel momento la città era ‘invasa’ di sfollati provenienti dalle zone interne del Paese, sfuggiti dagli orrori della guerra, finita appena tre mesi prima del nostro arrivo.Continua a leggere “Accolti in un angolo del mondo”

Bontà e bellezza

Prima la pandemia, adesso la guerra, così vicina che ci sembra di toccarla e che possa invadere ancora di più le nostre vite da un momento all’altro. Queste due esperienze creano una grande preoccupazione, nuova perché ci sembra di non avere gli strumenti adatti per poterla affrontare e perché non ne vediamo una fine definita.Continua a leggere “Bontà e bellezza”

250 anni dopo

“Tutti gli esseri umani sono stati creati uguali e sono dotati dal loro Creatore di diritti inalienabili, e tra questi vi sono la vita, la libertà e la ricerca della felicità.” Thomas Jefferson, 1776 La disuguaglianza non solo è ‘innaturale’, ma è la base delle più grandi ingiustizie e violazione dei diritti essenziali e inalienabili.Continua a leggere “250 anni dopo”

In direzione ostinata e contraria

La logica della guerra, con la sua retorica e drammaticità, riesce spesso ad offuscare la logica e le ragioni della pace. Prendiamo il caso delle armi, l’incremento delle spese finalizzate alla loro produzione e la legittimità o meno del loro invio in Ucraina. Provando a leggere i termini del confronto su questi argomenti, si notaContinua a leggere “In direzione ostinata e contraria”

La pace fragile

La pace vegetale, come quella umana, è bellissima e grandiosa, ma fragile: ha bisogno di cura, di attenzione e di rispetto. In giardino il susino è fiorito, avrebbe bisogno di essere potato, così mi ha consigliato un amico, ma anche quest’anno siamo arrivati tardi, la fioritura è arrivata troppo presto, rispetto a quando avrebbe dovuto,Continua a leggere “La pace fragile”

Invasori, veri e presunti

La Russia sta concentrando le proprie truppe, circa 175 mila uomini, al confine con l’Ucraina, un Paese che fa parte dell’Europa, anche se non dell’Unione Europea. Quindi, nel continente dei fili spinati, sistemati poco più a nord, fra Bielorussia e Polonia, per non far entrare i migranti che scappano dalla Siria e dall’Iraq, fa piùContinua a leggere “Invasori, veri e presunti”

Ricchezze contese, guerre dimenticate

Sono stato due volte in Mozambico, nella provincia di Cabo Delgado, nel 2006 e nel 2008. Era una zona molto povera, ma che viveva dignitosamente e in pace. I rapporti fra credenti di diverse religioni erano buoni, in molti casi di sostegno e di aiuto reciproco. Nel 2010 sulle coste di quella provincia, davanti alleContinua a leggere “Ricchezze contese, guerre dimenticate”

Scintille nella notte

La vetta di una montagna, rocce vicine ed aguzze, solo guglie spoglie e imponenti. Soltanto il cielo è pieno di vita e di colori: blu, rosa, viola, soprattutto. E poi le stelle, tante, luminose, vicine fra loro e intente a illuminare la notte, quasi per guardarci meglio. Dalla prospettiva di una delle rocce più alteContinua a leggere “Scintille nella notte”